download pdf Depliant

 

1 PULIZIA

Noi ci differenziamo nella pulizia per: alta portata, calore e pressione che garantiscono preriscaldo delle pareti e assoluta pulizia.

2 INIEZIONE

Noi ci differenziamo nell’iniezione per: ugelli speciali, iniezione in bassa pressione per saturare in profondità ed evitare antiestetiche sbordature.

3 IRRUVIDIMENTO

Noi ci differenziamo nell’irruvidimento per: graniglia 3/4 mm pre bitumata, tecnologia di spargimento con la quale ripristiniamo, in modo ottimale, Grip e sicurezza.


PROPRIETÀ DEL SIGILLANTE

Grazie all’utilizzo di differenti tipi di ugelli è possibile applicale la tecnologia SBS SigilPlus su qualunque tipo di lesione del piano stradale.

Disponiamo di differenti mastici bituminosi, a seconda del campo di impiego, sia stradali che aeroportuali, resistenti anche alle perdite di idrocarburi.

 

CONICO
 

PIATTELLO
 

SFERICO
 

ALTA ELASTICITÀ

PENETRAZIONE IN PROFONDITÀ

OTTIMA ADESIONE ALLE PARETI


Utilizzo

IMPIANTO MOBILE IN GRADO DI OPERARE IN AUTONOMIA
SU TUTTO IL TERRITORIO ITALIANO E CENTRO EUROPA

 

Tipologia adatta per

AEROPORTI

STRADE URBANE E EXTRAURBANE

AUTOSTRADE


Fasi dell'intervento

1
PULIZIA

Pulizia profonda di fessure e/o lesioni stradali, eseguita con getto di aria calda a 7 bar generata da compressore ad alta pressione con portata minima di 2.600 litri/m, abbinato a bruciatore da 35.000 calorie munito di scambiatore di calore aria/aria, in modo da avere in uscita una temperatura di 500° C necessaria a deumidificare e scaldare le pareti della lesione. L' aria verrà convogliata tramite lancia apposita in modo che l'operatore possa indirizzare il getto ad alta pressione all'interno della lesione così da rimuovere polvere detriti, asciugare e riscaldare le pareti. Tale trattamento deve garantire la preparazione ottimale delle superfici di contatto con il mastice bituminoso in modo che la penetrazione dello stesso sia profonda e con adesione tenace. L’attrezzatura mobile dovrà essere conforme alle normative, munita di lampeggiatore e adeguatamente segnalata.


 

2
INIEZIONE

Iniezione a caldo di mastice bituminoso per ottenere la saturazione completa delle lesioni. Tale processo dovrà essere eseguito con apparecchiatura termo controllata costituita da un fusore della capacità di 500 litri in grado di fondere in continuo pani di mastice bituminoso, in modo da ottenere una massa bituminosa omogenea a temperatura costante e controllata variabile da 180° a 240° in funzione delle caratteristiche del mastice richiesto.

L’iniezione sarà eseguita tramite apposita lancia termica elettro riscaldata, trasportata a mano dall'operatore, fornita di idoneo ugello scelto in funzione della tipologia della fessurazione, in modo da iniettare solo all’interno della lesione, riducendo il più possibile spargimenti esterni di mastice. Esclusa pulizia e granigliatura. L’attrezzatura mobile dovrà essere conforme alle normative, munita di lampeggiatore e adeguatamente segnalata.


 

3
IRRUVIDIMENTO

Granigliatura superficiale delle sigillature a caldo, realizzata tramite inerte di prima categoria 2/4 mm, selezionato, lavato e prebitumato (percentuale di legante 3% ). Tale trattamento deve rendere la superficie della sigillatura ruvida, garantendo così adeguato grip per cicli, motocicli e contempora-neamente eliminare i fenomeni di abbagliamento. Lo spargimento della graniglia deve essere eseguito con apparecchiatura mobile specifica, dotata di estrazione meccanica e programmabile del materiale, in modo che se ne possa dosare la quantità in funzione della larghezza della sigillatura da un minimo di 100 gr/ml ad un massimo di 300 gr/ml.

L’apparecchiatura dovrà essere in grado di muoversi con avanzamento motorizzato, controllato da operatore qualificato, in modo da seguire le sigillature da granigliare sia in pianura che in discesa , dovrà avere idoneo sistema frenante e luci di segnalazione. L’apparecchiatura dovrà avere un’autonomia adeguata, sia di graniglia che di percorrenza, in modo da poter seguire la squadra di pulizia e iniezione in continuità, adeguandosi alla velocità di avanzamento della stessa da un minimo di 0,07 m/sec a massimo 0,15 m/sec. L’apparecchiatura dovrà essere munita anche di idoneo sistema meccanico per l’eventuale riscaldamento superficiale del letto di mastice, in modo da garantire la corretta adesione della graniglia pre bitumata, nel caso in cui per particolari situazioni di lavoro o condizioni climatiche avverse le temperature superficiali del mastice risultino inferiori ai 60°..



Servizi

Segnaletica

Dimostrazione gratuita

Lavoro notturno

Sabbiatura

Ricerca e sviluppo sigillature speciali

Sopraluighi e preventivi